Storie e leggende sul caffè

la leggenda di Kaldi e delle capre salterine

la leggenda di Kaldi e delle capre salterine
30 Marzo 2016

C'era una volta, in una giornata di sole del 9 ° secolo, un pastore etiope, di nome Kaldi, che vide le sue "irreprensibili" capre iniziare ad avere un comportamento molto strano, senza alcun motivo apparente.

Qualcosa di insolito stava succedendo, e osservando le capre che danzavano, scoprì che stavano mangiando le bacche rosse di un albero sconosciuto. 

Prese quindi alcune bacche e le portò a casa, ad Harar, e cercò di mangiarle. Avevano un sapore molto strano, così decise di dare le bacche a un monaco islamico di un vicino monastero. Il monaco disapprovò e le gettò nel fuoco, dal quale iniziò ad espandersi un aroma allettante. I chicchi tostati vennero rapidamente tolti dalle braci e messi in acqua calda: la prima tazza al mondo di caffè.

Al giorno d'oggi non è raro vedere un negozio di caffè o una torrefazione di nome 'Kaldi', in ricordo di questa leggenda popolare di come il caffè è nato e di come è entrato nel mondo islamico e nel resto del mondo.

La storia delle "capre salterine' è apocrifa, ed è stata riportata per la prima volta da un maronita romano, autore di uno dei primi trattati scritti dedicati al caffè, De Saluberrima Potione Cahue seu Cafe nuncupata Discurscus (Roma, 1671).


Condividi con