Storie e leggende sul caffè

la leggenda di Omar che, a Moka, iniziò a tenere svegli i Dervisci con il caffè

la leggenda di Omar che, a Moka, iniziò a tenere svegli i Dervisci con il caffè
12 Maggio 2016

Il caffè che chiamiamo Mocha (scritto anche Moka, Moca, o Mocca) ancora oggi viene coltivato, come è stato per centinaia di anni, nelle montagne dello Yemen.

C'è un’antica storia, conservata nel manoscritto Abd-Al-Kadir, ambientato nell'antico Yemen, che parla del discepolo dello Sceicco Abou'l Hasan Schadheli, Omar, noto per le sue doti di guaritore attraverso la preghiera.

I dervisci, non si sa per che motivo, lo bandirono dalla città e lo reclusero in una grotta nel deserto, nelle aree di altopiano della punta meridionale del Mar Rosso nel porto di Al-Mokha. Stava quasi per morire di fame quando vide delle bacche rosse su alcuni cespugli. Le raccolse, le assaggiò e le trovò troppo amare e dure. Provò ad arrostirle e poi a bollirle per renderle commestibili.  Bevve l'acqua di cottura e si sentì subito rinvigorito. Quando la notizia di questa particolare guarigione giunse a Mocha, venne richiamato in città con tutti gli onori.

Considerato il "vino d'Arabia", l’usanza di bere il caffè è comparso anche nei monasteri sufi dello Yemen come bevanda per rimanere svegli più facilmente per le preghiere di mezzanotte.

Questa è una leggenda yemenita, probabilmente sviluppata nel corso dei secoli, ma in realtà è vero che i dervisci fanno grande uso di caffè prima di iniziare le loro danze.

La città di Mocha è stato il principale mercato per il caffè dal 15° secolo fino agli inizi del 18° secolo, e anche dopo che sono state trovate altre specie di caffè, i chicchi di Mocha hanno continuato ad essere apprezzati per il loro sapore caratteristico.

È possibile comprendere quanto il caffè sia importante per lo Yemen dall'emblema scelto per rappresentare il Paese: una pianta di caffè dentro il cuore di un uccello.

Condividi con